Food Truck 101 Suggerimenti dell’esperto: Mei Mei Street Kitchen

Food Truck 101 Suggerimenti degli esperti: Mei Mei Street Kitchen 7 novembre 201529 maggio 2014 di Megan

Food Truck 101 Chatta con Mei Mei

Le fantastiche persone di Mei Mei Street Kitchen sono state così gentili da ospitare una chat web dal vivo in cui hanno risposto a domande sull’avvio e la gestione del tuo Food Truck.

Ho adorato quello che avevano da dire e sapevo che altre persone che avevano perso la chat avrebbero apprezzato queste preziose informazioni, quindi l’ho ricreato di seguito. (Nota che mi sono preso alcune piccole libertà con le modifiche.)

Mei Mei’s Street Kitchen ha lanciato il suo primo camion nel 2012 e da allora ha riscosso un enorme successo, raccogliendo migliaia di fan devoti e recentemente espandendosi in un luogo fisico. Unisciti a noi qui sotto per le tue fantastiche domande e risposte.

Cosa ha ispirato per la prima volta il tuo Food Truck?

Irene Li: Ci siamo davvero entusiasmati per i food truck nel 2012 quando abbiamo visto la Great Food Truck Race su Food Network e abbiamo anche notato alcuni camion che si presentavano a Boston. Sembrava un ottimo modo per provare (ah!) Piatti e idee di menu senza spendere una fortuna. Nostro fratello maggiore aveva lavorato in ristoranti di lusso e voleva cambiare, e io e mia sorella adoravamo il cibo e la cucina. Sembrava un grande incontro!

Margaret Li: Sfortunatamente, Andy non può venire oggi, ma saluta tutti!

Cos’è un fantastico doppio? Ne voglio uno!

Margaret Li: The Double Awesome è uno dei nostri best seller: è un panino con frittelle di scalogno con formaggio cheddar del Vermont, pesto di verdure locali e due uova che vengono cotte lentamente e poi fritte. L’ho inventato proprio all’inizio dei nostri giorni di food truck, quando ci siamo resi conto che avevamo bisogno di oggetti super veloci da mettere insieme per il pranzo. Combina parte del cibo cinese che mangiavamo da bambini con cose che amiamo, COME IL FORMAGGIO.

Riesci a sentire la sua meraviglia?

Irene Li: Fondamentalmente è un genio culinario ^_^

Daisy Li: Hahahaha. Qualsiasi cosa con due uova è doppiamente sorprendente nel mio libro!

Essendo fratelli, soci in affari e amici, come gestisci i disaccordi legati al ristorante?

Irene Li: Penso che la parte più preziosa del lavorare insieme come una famiglia sia che ci amiamo e ci fidiamo già l’uno dell’altro. E quando litighiamo, possiamo sempre chiamare la mamma! Inoltre, ognuno di noi supervisiona una parte diversa dell’attività—Mei il lato commerciale, Andy il front of house e il camion, io il menu e l’approvvigionamento—quindi ci stiamo abituando a scegliere le nostre battaglie.

Margaret Li: Certamente abbiamo i nostri momenti di “disaccordo”, ma la parte migliore è che ci fidiamo implicitamente l’uno dell’altro e sappiamo che ognuno di noi fa sempre il meglio che può per l’azienda. Cerchiamo di non tirarci i capelli a vicenda.

Il clima invernale estremo influisce sui profitti dell’azienda?

Margaret Li: Il tempo a Boston, in particolare questo inverno, influisce sui guadagni stagionalmente. Il tempo ci costringe ad apportare modifiche: più articoli caldi e più articoli che possono essere serviti rapidamente in modo che nessuno aspetti troppo a lungo al freddo! Questo è anche uno dei motivi per cui abbiamo aperto un ristorante fisico: è ancora colpito dalla neve, ma non nella stessa misura.

Qual è il processo per ottenere una licenza per il tuo Food Truck? E quali sono le cose che le persone spesso sottovalutano quando pensano di avviare un Food Truck?

Irene Li: Il processo per ottenere la licenza per il food truck a Boston è un compito arduo. Devi lavorare con il programma cittadino, i vigili del fuoco, il dipartimento della salute, i lavori pubblici, i parcheggi e i trasporti, ecc.

Penso che le persone interessate ad aprire food truck stiano sicuramente sottovalutando l’enorme quantità di lavoro amministrativo che comporta. Non puoi semplicemente comprare un camion e fermarti su qualsiasi marciapiede della città, anche se sarebbe bello.

Margaret Li: Le persone sono spesso sorprese anche dal numero di persone che lavorano sul camion. Ci vuole molto personale per preparare il cibo per un pranzo abbondante, quindi gestire il tuo Food Truck significa gestire molte persone e molte parti in movimento. Di solito abbiamo 6 persone nei giorni impegnativi e questo richiede molto coordinamento.

È un duro lavoro là dietro!

L’altra cosa importante da tenere a mente è che ogni città/paese ha regole diverse. L’industria è nuova, quindi molti governi municipali stanno ancora cercando di capire cosa funziona meglio. Molte volte risolvi le cose con loro mentre procedi!

Qual è la differenza tra gestire un Food Truck di successo e gestire un ristorante di successo? Hai in programma di espanderti o trasferirti in una sede permanente?

Margaret Li: In realtà abbiamo aperto un ristorante nel quartiere Audubon Circle di Boston a novembre. È 506 Park Drive per voi gente di Boston (presa spudorata!)

Molte persone non sanno che la maggior parte delle città richiede di vendere il cibo in una cucina di spaccio autorizzata. Ciò significa che devi affittare strutture autorizzate e ispezionate e non puoi semplicemente cucinare nella cucina di casa e uscire e vendere.

Le persone non si rendono conto che devi pagare l’affitto, e questo spesso può essere piuttosto costoso in una città come Boston dove non ci sono molte strutture autorizzate. Molte persone si espandono dal loro Food Truck a un ristorante perché avere il proprio ristorante consente loro di utilizzare la posizione fisica come spaccio di Food Truck, quindi combinano i costi con due fonti di reddito.

Dove trovi alcune delle tue voci di menu? Alcuni sono così creativi, sono davvero curioso da dove vengano queste idee. Grandi momenti sotto la doccia?

Irene Li: Traiamo ispirazione da molte fonti diverse, incluso il nostro background cinese. Lasciamo anche che la disponibilità stagionale dei prodotti locali determini gran parte della direzione del nostro menu. Siamo cresciuti in una famiglia cinese americana, ma abbiamo mangiato tutti i tipi di cibi diversi.

La qualità e la sostenibilità sono molto importanti per noi: cerchiamo di assicurarci che tutti i nostri piatti contengano ingredienti che siamo orgogliosi di vendere e, naturalmente, vogliamo che tutto sia delizioso!

Che ruolo hanno avuto i social network nella crescita del tuo business?

Margaret Li: Usiamo TONNELLATE di social media con la nostra attività e penso che abbia giocato un ruolo enorme nel nostro successo. Non solo è utile per i dettagli logistici (è qui che siamo di stanza oggi ed ecco il menu del giorno), ma è anche fantastico per costruire relazioni.

Ad esempio, due delle persone in questo thread Tawk (ciao Megan e Steven!) Sono grandi sostenitori dell’industria dei food truck di Boston. Li abbiamo incontrati entrambi sui social media e ci siamo anche collegati con molti altri ristoranti e food truck tramite Twitter e altri canali. È un ottimo modo per parlare con i nostri ospiti e altre persone del settore!

l’amicizia è magica

Irene Li: Soprattutto quando eravamo un’azienda mobile senza una base, i social media erano un ottimo modo per rimanere in contatto con persone che vedevamo solo una o due volte alla settimana o meno. Poiché siamo un’azienda a conduzione familiare, vogliamo che i nostri ospiti si sentano parte della nostra storia e parte della nostra comunità! Condividere foto o bocconcini su Twitter o Facebook ci ha aiutato a farlo bene.

Qual è stata la sfida più grande nel passare al mattone e malta? Qualche progetto per ottenere una licenza per gli alcolici?

Margaret Li: Questa domanda riflette ciò che molte altre persone hanno chiesto in termini di sfide dal lato del ristorante. Aprire un ristorante è DIFFICILE. È fantastico, ma è un duro lavoro ogni giorno.

La licenza per i liquori è stata un problema particolare per noi. Per quelli di voi che seguono la nostra attività, forse saprete che abbiamo fatto domanda per una licenza per birra e vino a gennaio e abbiamo ricevuto TONNELLATE di supporto. Oltre 1000 firme su una petizione, tante persone del quartiere che sostengono la licenza, ecc. Sfortunatamente, c’è una tassa per birra e vino e tutte le licenze di alcolici in ogni città/paese del Massachusetts, che viene decisa a livello statale (questa è stata una particolare fonte di difficoltà per noi, quindi preparatevi a una diatriba).

Ciò significa che quando non ci sono più licenze disponibili, come siamo a gennaio, non puoi più ottenerne una dalla città in un prezzo abbordabile. Quindi la tua unica opzione è acquistarne uno da un altro proprietario a prezzi estremamente costosi.

I piccoli imprenditori (spesso imprese indipendenti e di minoranza nelle zone meno popolari della città) non hanno il capitale per acquisire queste licenze, il che significa che i grandi gruppi di ristoranti fortemente investiti finiscono per avere un vantaggio sui piccoli negozi come il nostro. .

BYOB sarebbe una soluzione a questo problema?

Irene Li: Sfortunatamente BYOB non è legale a Boston!

Margaret Li: Sfortunatamente, queste leggi sono in vigore da sempre e le persone stanno cercando di cambiarle, come la consigliera comunale Ayanna Pressley, ma questo tipo di cambiamento richiede tempo.

Quindi, nel frattempo, poiché le vendite di birra e vino sono un’enorme fonte di reddito in questo settore, abbiamo deciso di acquistarne una. Ha appena attraversato la città e poi lo stato, quindi speriamo che sia attivo e funzionante a giugno o luglio!

Irene Li: TL;DR, presto ci sarà birra a Mei Mei!

Margherita Li: Sì! Siamo entusiasti di avere birra e vino artigianali fantastici in arrivo. Quindi vieni presto a goderti una deliziosa bevanda per adulti con noi.

Ero curioso di sapere se voi ragazzi avete difficoltà a procurarvi localmente mantenendo bassi i costi?

Irene Li: Adoro parlare di approvvigionamento locale e questa domanda è giusta. Può essere sicuramente una sfida, ma abbiamo trovato alcuni modi per fare in modo che l’approvvigionamento locale funzioni sia per noi che per gli agricoltori. Molto ha a che fare con l’essere flessibili e aiutarli a ridurre gli sprechi o spostare una grande quantità di qualcosa in un pizzico.

[Fun Fact – a “bumper crop” refers to a crop that has an especially productive harvest, aka, a crop that’s in surplus]

Cerchiamo di pianificare in anticipo con gli agricoltori cosa compreremo in modo che possano coltivare prodotti o animali solo per noi. Crea sicurezza nella relazione commerciale per entrambe le parti. Da quando abbiamo aperto, abbiamo fornito oltre 120.000 libbre di prodotti locali a Boston e stiamo lavorando per fare ancora di più la prossima stagione di crescita!

Pensi che la popolarità dei food truck alla fine porterà a un calo della qualità?

Margaret Li: Questo è tanto un problema logistico quanto un problema di mercato. Ad esempio, la comunità di camion di cibo di Boston potrebbe ancora utilizzare molti più camion che offrono cucine diverse.

Tuttavia, c’è solo un certo numero di camion adatti alle strade di Boston, e sta diventando sempre più difficile per i nuovi camion raggiungere quei punti privilegiati. La buona notizia è che sempre più città al di fuori di Boston cercano più food truck.

In realtà, penso che sia esattamente il contrario: più camion significa più operatori dedicati, più grandi cuochi, più persone appassionate che correranno il rischio sul tuo Food Truck. L’asticella si alza e i nuovi entranti devono raggiungere un livello di qualità superiore per competere.

I camion di cibo a Boston si riuniscono in un’area o sono dappertutto? Come pianifichi il tuo percorso?

Margaret Li: A Boston, le posizioni dei camion di cibo sono per lo più decise dalla città, con alcuni input dalla comunità e dai camion, quindi ci sono solo alcune località intorno a Boston che sono effettivamente disponibili per il parcheggio dei camion di cibo. Non è così in tutte le città, dipende molto.

I food truck possono parcheggiare dove vogliono? O hai bisogno di un permesso per parcheggiare in strada?

Margaret Li: Quindi, sul lato duro, non puoi semplicemente fermarti e vendere ovunque. Ma il lato positivo è che sai che questa posizione è tua il lunedì dalle 23:00 alle 15:00 e nessun altro può parcheggiare lì. In questo modo puoi essere più affidabile nei confronti dei tuoi clienti e sviluppare un follow-up settimanale.

Adoro i food truck! Qual è la tua parte preferita di possederne uno?

Irene Li: La parte che preferisco del tuo Food Truck è essere coinvolta sia nel settore alimentare che in quello dei servizi. Mi piace poter fare panini e allo stesso tempo salutare ospiti e clienti abituali.

Quando lavoravo in un ristorante, mi mancava quel legame con le persone che mangiavano il cibo che preparavo. Guardavo le insalate uscire tristemente dalla porta della cucina e mi chiedevo se le persone che le mangiavano fossero felici o eccitate.

Scommetto che a molte persone piacerebbe entrare in questo business, ma non sanno come iniziare. Che consiglio daresti a chi vuole aprire il proprio food truck?

Margaret Li: Penso che un ottimo primo passo sia lavorare su uno!

Irene Li: Stiamo assumendo 🙂

Margaret Li: In questo modo ti fai un’idea del duro lavoro, com’è il servizio, come prepari il cibo, come lo guidi, come lo PULISCI. Le 3-4 ore di servizio pranzo sono solo una piccola parte di tutto questo. Ci vogliono diverse ore per preparare il cibo e MOLTO tempo per pulirlo in seguito.

Lavorando per un food truck, avrai un’idea di com’è la vita in un food truck e potrai usarla per sviluppare il tuo concetto. Avere un concetto e un’identità forti è importante. E una buona squadra di persone! Sicuramente non provare a farlo da solo. Se riesci a legare le tue sorelline, tanto meglio. Quindi, devi nominare il tuo Food Truck con il suo nome (Mei Mei = sorellina in cinese!)

A proposito di pulizia, ci sono standard diversi per i food truck rispetto ai ristoranti? Sono sicuro che è difficile con spazio e attrezzature limitati!

Margaret Li: Qualcuno ha chiesto tempo fa se i camion di cibo sono puliti perché li rompi ogni giorno. Questo è certamente vero. Inoltre, ciò che molte persone che pensano ai food truck come “addestratori di scarafaggi” non si rendono conto è che il nostro intero food truck è visibile alle persone che entrano e ordinano, quindi devi tenerlo pulito!

Irene Li: Veniamo ispezionati regolarmente, più frequentemente di molti ristoranti, e il dipartimento della salute ci impone gli stessi standard. Tutti abbiamo lavelli, elementi refrigeranti e riscaldanti, proprio come i ristoranti.

Puoi condividere un aneddoto sull’apertura del ristorante? Forse qualcosa che all’epoca era terribile, ma ora ti fa ridere?

Irene Li: L’apertura è stata decisamente pazzesca: poco sonno, molto stress. Ma ciò che mi ha davvero fatto sorridere in quei giorni è stato vedere tanti amici del settore della ristorazione e dei food truck venire a sostenerci.

Significava davvero molto che la gente uscisse per salutarci: Chris Cronin della Washington Square Tavern ci ha portato mezza testa di maiale! Rebecca Roth di The Gallows ha portato un pacchetto di cure: cerotti, nastro adesivo, tamponi, advil. Ci ha fatto davvero sentire parte di una comunità e che tutto quello che stavamo attraversando valeva la pena e che non eravamo soli.

Qual è la migliore zona per mangiare a Boston? Qualche suggerimento per le persone che desiderano visitare e concentrarsi su un’avventura gastronomica?

Margaret Li: Bella domanda, c’è così tanto cibo là fuori! La Greenway durante la settimana e i mercati SOWA la domenica sono fantastici. CIBO MOLTO BUONO!

Se sei sulla Greenway puoi andare a Fort Point e andare a Row 34 o Drink o Sportello o Tavern Road o Flour. Washington Square a Brookline è un altro nuovo hotspot! Adoriamo la Washington Square Tavern, Ribelle, Fairsted, Publick House… così tante cose meravigliose che accadono lì.

Irene Li: Inoltre, siamo cresciuti in quel quartiere. È stato fantastico vederlo diventare una destinazione per buongustai!

Margaret Li: Stanno succedendo cose incredibili anche a Somerville. Adoriamo Union Sq Donuts, Bronwyn, Journeyman.

Stai facendo qualcosa con Top Chef durante le riprese a Boston?

Margaret Li: Non al momento, ma se qualcuno di Top Chef lo vede, ci farebbe molto piacere! Kristen Kish e Padma Lakshmi erano al mercato SOWA durante il fine settimana e si sono fermati per un Double Awesome e Thai Curry Nachos. Alcuni di noi qui sono avidi osservatori di Top Chef, quindi siamo entusiasti di vedere come vanno a finire gli episodi di Boston!

Quali sono i punti deboli della tecnologia che affronti costantemente? Qualcosa in particolare che pensi possa essere utile per i food truck?

Margaret Li: Sul camion utilizziamo un sistema POS (punto vendita) abilitato per il Wi-Fi. Il Wi-Fi si interrompe sempre in alcuni posti! Internet mobile affidabile sarebbe fantastico.

Quanto è difficile creare un pubblico quando ti sposti da un posto all’altro?

Margaret Li: Sebbene possa essere difficile per noi essere in ogni spazio solo una volta una volta alla settimana, significa che possiamo visitare molte più aree rispetto a una sede fissa! Quindi possiamo vedere persone vicino a Copley Square, South Station, City Hall Plaza, ecc. Ciò attira molti più occhi sul camion e quindi molti più potenziali clienti.

Anche se siamo in continuo movimento, abbiamo ancora clienti abituali in ogni sede. E se ci vedono solo una volta alla settimana è più probabile che facciano uno sforzo per venire a pranzo da noi, nessuno ci dà per scontati!

Concludiamo ora, grazie mille a tutti per essere usciti quest’ultima ora! Grazie a tutti per il vostro entusiasmo! È bello sapere che ci sono molte persone che si preoccupano del cibo. Vieni a visitare il nostro camion o ristorante e salutaci, è stato fantastico!

Non dimenticare che puoi restare in contatto con Mei Mei Street Kitchen a:

  • Twitter @meimeiboston
  • Instagram: @meimeiboston
  • Facebook: Mei Mei Street Kitchen
  • O il suo sito web su meimeiboston.com

Questa chat è composta da segmenti tratti dalla live chat di Mei Mei su Tawkers. Andateci per il Q&A completo!

Categorie Serie di interviste su Food Truck Tag food truck 101, consigli su food truck, mei mei street kitchen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *