Skip to content

L’alternativa alle posate di plastica monouso è qui.

Gli eventi del food truck della comunità sono grandi opportunità per divertirsi, mangiare cibo delizioso e connettersi con i vicini e gli amici. Ma la prossima volta che vai a un camioncino del cibo, a un picnic o anche a un viaggio in aereo, sii rispettoso dell’ambiente portando utensili riutilizzabili come le posate di bambù. La gente ora porta le proprie bottiglie d’acqua, quindi potremmo facilmente portare anche le nostre posate. Non è così difficile come sembra ed è molto meglio che buttarli via.

Forchette, coltelli e cucchiai di plastica monouso non sono riciclabili – ripeto!!! Le posate di plastica monouso non vengono riciclate nemmeno quando le metti nel bidone del riciclaggio. Questi pezzi di plastica sono molto piccoli, molto leggeri e molto inquinanti, quindi non vengono mai riciclati. Si può pensare: “È solo una forchetta”, ma moltiplicati per milioni e milioni, questi utensili di plastica sono terribili per l’ambiente. Il World Economic Forum stima il numero di utensili di plastica individuali sprecati in 40 miliardi all’anno solo negli Stati Uniti.

Quindi, se vogliamo meno plastica nelle nostre discariche e nei corsi d’acqua, tutti devono smettere di usare pezzi di plastica monouso e portare invece le nostre risorse. Ho provato il mio nuovo set di posate di legno riutilizzabili Fairtrade di Duebest all’evento del food truck del mio quartiere questo fine settimana. Duebest, una nuova azienda femminile, mira a cambiare l’abitudine di sprecare la plastica progettata per essere gettata via dopo un solo utilizzo. La forchetta, il coltello, il cucchiaio e le bacchette sono realizzati in legno di teak di provenienza sostenibile e lavorati a mano da artigiani di Bali. Sono compatti e convenienti.

“La gente si sente sopraffatta dal vivere uno stile di vita sostenibile, ma noi vogliamo renderglielo più facile offrendo prodotti di buona qualità che siano durevoli e migliori per l’ambiente”, ha detto la co-proprietaria BobbiJo McCauley. Crede che le persone abbiano il potere di creare una società verde cambiando gli acquisti dei consumatori e creando una cultura in cui tutti danno indietro.