Skip to content

3 modi in cui i proprietari di camion alimentari possono affrontare i clienti arrabbiati

Ogni proprietario di food truck ha tecniche di gestione diverse e gestisce i clienti in modi diversi.

Pertanto, non stiamo dicendo che tutti i proprietari di food truck dovrebbero affrontare i clienti arrabbiati allo stesso modo, per non parlare del fatto che alcune situazioni dovrebbero essere gestite diversamente da altre.

Tuttavia, ecco tre strategie che i proprietari di street food on the road possono usare per affrontare i clienti arrabbiati.

Rendetevi conto che ci saranno sempre persone maleducate e non è tipicamente personale.

Purtroppo ci saranno sempre clienti maleducati, non ci si può fare molto.

Certo, puoi insegnare ai tuoi impiegati a prendere correttamente gli ordini delle persone e assicurarti che il cibo sia conforme ai tuoi standard (e ridurre gli errori), ma alcune persone, semplicemente, sono maleducate o si innescano facilmente. Per non parlare del fatto che tutti hanno una brutta giornata di tanto in tanto e alcune persone se la prendono con gli altri.

Sappiate che, qualunque cosa dica il cliente maleducato, non è tipicamente personale. Questa persona è arrabbiata con qualcun altro (o, di nuovo, facilmente innescata) e sta cercando qualcuno su cui sfogare le sue frustrazioni.

Attualmente stai facendo dell’email marketing o del social media marketing? Se è così, allora dovresti fare anche Facebook Messenger Marketing! Clicca qui per saperne di più.

Ascoltare il cliente e offrire una soluzione
È difficile ascoltare una persona maleducata che è irragionevole o che urla. Tuttavia, voi avete tutto da perdere, come i clienti, mentre la persona maleducata potrebbe lasciare una cattiva recensione e non mangiare mai più al vostro gastronomo.

Ti potrebbe anche piacere… 5 modi semplici per rendere più piccanti le tue giornate al food truck.
Ecco perché è così importante ascoltare il cliente in questione e cercare di offrire una soluzione. Non solo questo può portare la situazione a non degenerare, ma può anche portare il cliente a non lasciare una cattiva recensione, a risolvere il problema e a soddisfare il cliente.

Una soluzione non deve sempre essere un pasto gratuito (anche se può esserlo se questa è la vostra strategia) – può anche essere quella di rabbonire il cliente dandogli un complimento per il suo ordine e facendoglielo sapere, come ad esempio dei bicchieri di cartone per servire le bevande.

Muoviti e non stare fermo.
Questo è molto più facile a dirsi che a farsi, specialmente se un cliente dice che è personale, ti dice che non gli piace il tuo cibo, urla, non vuole sentire ragioni, ecc.

Tuttavia, non si può lasciare che una brutta esperienza porti ad un’altra. Se ti fissi sul cliente maleducato, allora perderai l’attenzione su qualcosa che è successo in passato ed è finito. Volete assicurarvi che il problema non si ripeta e anche correggere l’errore, ma una volta che è finita, avete parlato con i vostri dipendenti (se sono stati coinvolti), e una nuova strategia è stata messa in atto, dovete andare avanti.

Non lasciate che una persona rovini la vostra giornata, il vostro umore e l’atmosfera della vostra area di ristorazione, o forse i pasti futuri perché voi e il vostro team non riuscite a smettere di concentrarvi sul cliente maleducato.